venerdì 5 agosto 2011

Eliminato il nostro canale youtube. A causa del Tg4 di Emilio Fede.

[Clicca per ingrandire]

Un blogger in Italia non lo può fare: vietato pubblicare in rete un minuto di uno dei più seguiti telegiornali di questo Paese, per denunciarne una porcata. Sapete, anche la libertà d'informazione deve sottostare alle regole del copyright. Perché la policy è la policy. Ho pubblicato su youtube un servizio del Tg4 di Emilio Fede andato in onda ieri sera, in modo da potervelo mostrare qui, su Nonleggerlo. A quelli di youtube (google) è arrivata l'immediata segnalazione da parte di R.T.I. (mediaset) - sì, lo so che non ne fanno passare una - il video è stato reso inaccessibile ed il mio canale youtube eliminato. Era la terza notifica. Una canzoncina tedesca per smascherare un servizio del Tg2, un video di Gasparri su La7, e questo servizio del Tg4. L'unico intento, in tutti e tre i casi, pubblicare una notizia. Gravisssimo. Ho fatto reclamo, e così rischio pure di pagare i danni. "Ricorda la sezione 512(f) del Copyright Act, per cui qualsiasi persona dichiari erroneamente, ma consapevolmente, che un dato materiale è stato disattivato per sbaglio o errata identificazione potrebbe essere passibile del pagamento dei danni".

Non sono il primo, non sarò l'ultimo a cui accade, ma qualcosa deve cambiare. Il rispetto del diritto d'autore va sì messo a sistema con la libertà di informazione, ma non dev'essergli concesso di scavalcarla in alcun modo, mai. Ci vuole più intelligenza e flessibilità. Non si scherza con l'articolo 21 della Costituzione, né con il lavoro delle persone. E poi quel muro, altissimo, opprimente, che ti trovi a dover scalare per ogni protesta digitale. Pensate, dopo la cancellazione del canale è andato offline persino questo blog (fortunatamente solo per alcuni minuti), che poggia su piattaforma google: "Spiacenti, il blog all'indirizzo nonleggerlo.blogspot.com è stato rimosso". Non lo so, volete pure ammanettarmi? Un canale youtube con centinaia di migliaia di visualizzazioni chiuso, moltissimi video di denuncia eliminati - tre anni di lavoro che se ne vanno così, per aver mostrato un minuto di Emilio Fede.