mercoledì 5 ottobre 2011

Robe che nemmeno in Cina.

Wikipedia è ferma. Solo da noi. Solo in Italia. La più famosa e consultata enciclopedia online del pianeta, abbassa le saracinesche del sapere, per dire di no al ddl-intercettazioni. Per provare a fermare il bavaglio voluto dal Governo Berlusconi. Una cosa del genere, nel mondo, s'era mai vista. Mai. Non era mai successo che Wikipedia decidesse di sospendere volontariamente i propri servizi. Manco in Cina. Manco in certi regimi, sapete, di quelli tosti. Un primato niente male per una "democrazia costituzionale" incastonata nel bel mezzo del Continente europeo. E no, la cosa non ha lasciato a bocca aperta solo i cittadini ed i media nazionali. Come potete immaginare la protesta sta viaggiando alla velocità della luce, ovunque, al grido di "Wikipedia si ribella a Berlusconi", e credetemi, per questo governo non ci poteva essere cosa peggiore.


Per dire, dalla Germania ...


agli Stati Uniti ...


dalla Norvegia ...


alla Spagna ...


dalla Francia ...


alla Grecia ...


dall'Olanda, a ovunque.