venerdì 9 dicembre 2011

Andiamo bene.

"Giovani, ambiziosi, sportivi, familisti, tecnologici, sognano di cambiare il mondo", il futuro "sono loro". "Ecco con chi dovremmo fare i conti" tra non molto: pubblico un estratto dell'intervista doppia che "Chi", settimanale berlusconiano diretto da Alfonso Signorini, ha realizzato assieme a Matteo Renzi ed Angelino Alfano. Roba grossa.
Qual è il vostro stipendio oggi?

Renzi, sindaco di Firenze ed esponente “critico” del Pd: «4.200 euro al mese».
Alfano, segretario del Pdl: «È quello di parlamentare: 8.500 euro netti al mese, più una diaria di 5.000».

Per i giovani meglio il posto fisso o la flessibilità?

Renzi: «La flessibilità può offrire più occasioni, ma spesso è solo precarietà».
Alfano: «Fisso, se possibile. Flessibile, se necessario. Meglio flessibile che a spasso. Ma occorre una riflessione profonda».

Che posto ha la religione nella vostra vita?

Renzi: «Importante. Sono credente».
Alfano: «Centrale: considero la fede un dono».

Infine, le donne in che cosa sono più capaci degli uomini?

Renzi: «Hanno più empatia».
Alfano: «A giudicare dai concorsi, in tutte le sfide fondate sul merito».

Come trascorrevate le domeniche? Dagli scout o in discoteca?

Renzi: «Facevo lo scout ma ogni tanto andavo a ballare».
Alfano: «Messa, giro in viale ad Agrigento, pranzo con i genitori e partita».

Da ragazzini avete mai fatto un lavoretto?

Renzi: «Parecchi. Ho anche consegnato elenchi del telefono...».
Alfano: «Mai».