mercoledì 14 dicembre 2011

The New Yorker: ecco a voi la classifica dei peggiori scandali dell'anno.


L'amico Remo Massarini ci ha appena segnalato questa imperdibile classifica del New Yorker, il più prestigioso settimanale del pianeta. Best/Worst scandals of 2011:

Numero 10:

Alec Baldwin cacciato da un volo dell'American Airlines per eccesso di iPad.
Numero 9:
Lindsey Lohan condannata a 120 giorni per il furto di una collana e poi finita ai domiciliari.
Numero 8:
Arnold Schwarzenegger: svelata l'identità della madre del figlio segreto. Era la domestica.
Numero 7:
Herman Cain, ex candidato alle primarie del partito repubblicano Usa: per lui accuse di molestie.
Numero 6:
Charlie Sheen ed il suo tracollo. Uno che ne ha combinate di tutti i colori.
Numero 5:
Dominique Strauss-Kahn accusato di violenza sessuale da una cameriera di un albergo nuiorchese, tra smentite, caduta delle accuse, test del dna e teorie cospirazioniste.
Numero 4:
Nicolas Sarkozy ed il caso tangentizio nella vendita di sottomarini al Pakistan.
Numero 3:
News of the World e lo spionaggio illegale. Uno scandalo che ha rivelato l'immoralità insita nell'impero di Murdoch, come si sospettava.
Numero 2:
Anthony Weiner e la foto del suo pene postata su twitter ad una ragazza di 21 anni.

end de uinner is (te pareva) ...


Numero 1:

Silvio Berlusconi ed il "Bunga Bunga". Da quando abbiamo scoperto la propensione del Presidente del Consiglio italiano a divertirsi con la spogliarellista minorenne Ruby Rubacuori, il movimento femminista si è rinvigorito, molti dei suoi soci sono finiti indagati per sfruttamento della prostituzione - tra un'orgia e l'altra - ed il Cavaliere ha ceduto la poltrona di primo ministro. Sempre per quella storia dell'autorevolezza.