giovedì 2 agosto 2012

"E se me ne porti cinque il Ministero è tuo".

Oddio, non che ci fossero dubbi - li abbiamo visti tutti i Romano, i Belcastro, i Catone, i Bellotti e le Polidori, tutti inspiegabilmente piazzati al Governo del Paese - ma sentirlo in viva voce da uno dei protagonisti della più infame stagione politica della storia repubblicana, beh, sì, fa un certo effetto. Sapete come riusciva a tenersi in piedi l'ultimo esecutivo-Berlusconi, dopo l'addio dei finiani? Tra le altre, premiando la creazione di "microgruppi parlamentari". Volevi stare al governo? E allora: con tre deputati ti conquistavi un "sottosegretariato", con cinque svoltavi al "Ministero". Al conto, devastante, c'abbiamo pensato tutti noi.



[Fonte: Omnibus, La7]