mercoledì 29 agosto 2012

Luca Barbareschi, Parlamentare della Repubblica. Davvero.

"Aderisco al partito di Fini con lo stesso spirito con cui mio padre ha combattuto tra i Partigiani", "Berlusconi mi ha offerto di tutto per tornare nel Pdl ... ma non esco da Futuro e Libertà". E dopo poche settimane: "Vado nel gruppo Misto, aiuterò il governo. Berlusconi mi ha già telefonato, ringraziandomi per la coerenza". Era l'inverno 2011, è passato un anno, e Luca Barbareschi in Parlamento ci va pochissimo. A giugno ad esempio il tabellino segnava un bel 100% di assenze, alla Camera non si è mai presentato: "Io in Cina per un film? Ma saranno affari miei? Se ci sono stato? No! ... Beh, forse due giorni, tre giorni, un sacco di avanti e indietro". In compenso l'attività cinematografica prosegue alla grande, e non potrebbe essere altrimenti, fui lui stesso a dichiarare che i "23 mila euro lordi al mese" che prende da parlamentare non gli bastano, "non sono nato da una famiglia ricca". E se un giornalista prova a chiedergli conto di queste interessanti dinamiche fiction-istituzionali, lui reagisce così.
Barbareschi picchia il giornalista de "Le Iene", perde la testa e risponde con calci, schiaffi e pugni

[Fonte: Le Iene, a dicembre il video integrale]