giovedì 6 dicembre 2012

"Silvio c'è"

Nel vertice Pdl di ieri lo sfogo di Berlusconi, raccontato dal Corriere della Sera: "Voi mi avete lasciato solo. Mi avete abbandonato. Quando è arrivata la sentenza Mediaset ho visto solo 11, e ripeto 11, lanci di agenzia di persone che mi difendevano. E questo da un partito che io ho creato, e al quale ho dato tutto". Oggi Dagospia rilancia: "Giorno del giudizio per i berluscones, chi entro stasera non avrà pubblicamente reso omaggio al "Ritorno del Re" resta fuori dalle liste". E le dichiarazioni di politici Pdl che invocano la ridiscesa in campo di B. non si sono fatte attendere, un fiume inarrestabile che va avanti da stamattina. Per ora la migliore resta quella del deputato e componente della direzione nazionale Pdl Nino Foti:
"Quando l'Italia della Seconda Repubblica ha avuto bisogno in passato di una nuova leadership politica, Berlusconi c'era. Quando l'Italia in piena Crisi Globale ha avuto necessità di un Governo di larghe intese e quindi di un gesto alto e nobile di responsabilità, Berlusconi c'era. Ora che l'Italia ha bisogno di salvarsi e non sprofondare nella crisi più profonda, ora che c'è di nuovo bisogno di qualcuno che difenda gli interessi degli italiani e che lo faccia con autonomia e vigore, ora che l'Italia deve ripartire con una leadership forte e autorevole, Berlusconi c'è ... Non posso che accogliere favorevolmente la prospettiva che il principale artefice di tanti successi per il nostro Paese torni in campo''.
[P.s.: non male anche la foto, trovata sul sito di Foti, eccolo con il cellulare in mano, vicino a B., ai tempi di Forza Italia. Dietro a loro, un giovanissimo Lavitola. Non male ...]