giovedì 28 febbraio 2013

Risorgimento

Nel novembre del 2011 la redazione del Guardian, uno dei quotidiani più autorevoli del mondo, lo salutò così.


Ora, sempre per quella storia là, lo riaccoglie così.