martedì 28 maggio 2013

"A Batteman!"

Dopo il carcere, la condanna a 3 anni e 4 mesi per peculato. Francone Fiorito detto "Er Batman", ex capogruppo Pdl in Regione Lazio, ha detto che ora si dedicherà alla filantropia. E soprattutto alla stampa di magliette. Riporto alcune delle sue ultime dichiarazioni.
"Il ritorno in politica? Per adesso non se ne parla proprio. Mi metto a fare il filantropo. E poi sia chiaro: io quei soldi non li ho rubati. La cosa che mi ha colpito di più in carcere sono stati gli attestati di stima ricevuti da tantissimi amici e dalla gente comune. Sono stati centinaia, forse migliaia.

Comunque il carcere è stata l'occasione per rileggere Proust e Guy de Maupassant, oltre a Sant'Agostino e a "La solitudine del satiro di Ennio Flaiano". Non mi sento responsabile della disaffezione verso la politica, semmai di aver cambiato le modalità di fare politica nella mia vita. Prima erano basate sulla contestazione, poi sono diventate troppo istituzionali.

Sì, resterò ad Anagni. Lì ho scontato i domiciliari e la gente mi vuole bene. Voglio ricominciare da subito. Sono pronto a stampare delle magliette con la frase che mi dicevano a Regina Coeli. Quando passavo, sentivo una voce che, con calata romanesca, gridava: ”a Batteman...”".

- fonti dichiarazioni: L'Espresso / Il Messaggero -