mercoledì 5 giugno 2013

"Noi, spartani berlusconiani"

 
Michaela Biancofiore, onorevole Pdl e sottosegretario del governo Letta, regina delle Amazzoni, ideologa dell'"Esercito di Silvio", berlusconiana della corrente "spartana". Oggi su Repubblica:
«L’accerchiamento giudiziario al quale stiamo assistendo, lei come lo chiama? Noi Guerra dei Vent’anni... se certa magistratura si fa potere di contrasto politico, allora occorre che qualcuno intervenga affinché non ci sia un giudizio contra personam... Qui siamo alle congetture, al gossip, di violazioni vere, di prove non c’è traccia mentre i delinquenti veri sono a spasso.

Vogliono l'interdizione? Bene. Sarebbe la classica vittoria di Pirro. Nessun potrà impedire a Berlusconi di fare politica fuori dal Parlamento. E il ripristino del simbolo di Forza Italia, che incarna ancora la rivoluzione liberale berlusconiana, segnerà il ritorno al partito movimentista, popolare. La rivoluzione liberale non si ferma.

Il Pdl potrebbe reagire in difesa del presidente Berlusconi. Se il governo rischia? Vedremo, si potrebbe votare in autunno. Noi andremo dove lui ci dirà di andare. E quando dico noi, intendo noi berlusconiani “termopiliani”, berlusconiani eroici che di fronte al tentativo di annientare il loro capo rispondono ai vari Serse che ci intimano di gettare le armi: "Molon Labè", "Venitele a prendere, se ne siete capaci!».