venerdì 23 agosto 2013

100 giorni di governo Letta. Ci piace "festeggiarli" così...


Ultimo non|post prima di fermarci. 
100 giorni di governo Letta. Vogliamo celebrarli così, ricordando tutte le gaffe, gli annebbiamenti, i deliri istituzionali di questi primi tre mesi insieme.

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl) 22 agosto 2013:
"Le confesso una cosa: sono entrata in Forza Italia nel 1994. Ero quasi una bambina. Cadde il primo governo Berlusconi e si disse che il Presidente era morto. 19 anni fa! Lui non morirà mai!... Per noi lui è stato l’inizio e sarà la fine. È stato l’alba, e staremo con lui fino al tramonto".

Mario Mauro, ministro della Difesa (Scelta Civica), 22 agosto 2013:
"Chiediamo al Pd di votare No alla decadenza del nemico Berlusconi. Il nodo dell’agibilità politica del Cavaliere va risolto politicamente e non per via giuridica, con un provvedimento generale, non individuale, cioè amnistia e indulto, come ai tempi della guerra".

Angelino Alfano, vicepresidente del Consiglio (Pdl), 22 agosto 2013:
"L’esempio di Cristo evidenzia l’esige.nza del giusto processo e i limiti della giustizia popolare, delle giurie popolari"

Enrico Letta, presidente del Consiglio (Pd), dal meeting di Comunione e Liberazione 21 agosto 2013:
"Abbiamo davanti grandi opportunità. Sarebbe paradossale far cadere il governo proprio ora: dopo aver tenuto duro nei momenti più difficili, ci stiamo finalmente avvicinando alla Terra Promessa".

Gaetano Quagliariello, ministro delle Riforme (Pdl), 15 agosto 2013:
"Vede, a tutti noi piacerebbe che la storia di Silvio si concludesse in termini fiabeschi, con quel salvacondotto che D'Artagnan strappò dalle mani di Milady nei 'Tre Moschettieri', nel quale era scritto 'Il latore della presente ha fatto quel che ha fatto per ordine e per il bene dello Stato. Firmato Richelieu'".

Massimo Bray, ministro ai Beni Culturali (Pd), su twitter, 8 agosto 2013:
"Ascoltavo una canzone di Emma Marrone, 'Dimentico Tutto'. Voi che cosa state ascoltando?".

Flavio Zanonato, ministro dello Sviluppo Economico (Pd), su twitter, 6 agosto 2013:
"Proverbi veneti: l'ignorante sa tanto, l'intelligente sa poco, il saggio sa niente, EL MONA SA TUTTO".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), intervistata dalla Bbc, 5 agosto 2013:
"De italian pipol ar in lov uit Silvio Berlusconi, bicos is an innosent, is not a delinquent".

Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo (Pdl), 2 agosto 2013:
"Compatti a fianco del presidente Berlusconi. Non lasceremo l'Italia sotto dittature che siano magistocratiche o comuniste".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 1 agosto 2013:
"La condanna di un innocente, del leader del centro destra italiano, dell'uomo politico col maggior numero di consensi della seconda Repubblica, del 4 volte Presidente del Consiglio, del maggior contribuente d' Italia per frode fiscale è l'Apocalisse d'Italia, la fine del mondo politico italiano e di una parvenza di democrazia nel Paese".

Emma Bonino, ministro degli Esteri (Radicali), 28 luglio 2013:
"Ma siamo matti? Vietare il fumo anche in auto? Minori o donne incinte non mi interessa, questa è una roba proibizionista, non la sottoscriverò mai!".

Stefano Fassina, viceministro dell'Economia (Pd), 25 luglio 2013:
"Senza voler strizzare l'occhio a nessuno, senza ambiguità, ma dico che esiste un'evasione fiscale di sopravvivenza...".

Gianfranco Miccichè, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Grande Sud), 24 luglio 2013:
"Nella mia vita ho fatto un sacco di raccomandazioni, assolutamente sì. Anche alla Regione, in una terra come la Sicilia dove vive una quantità infinita di gente che non campa e ti chiede aiuti di tutti i tipi. Non c’è nulla di male nel fare raccomandazioni...".

Enrico Letta, presidente del Consiglio, rivolgendosi ai deputati Pd, 24 luglio 2013:
"Ora basta applausi facili, o cercare di darvi un tono su twitter... insomma, smettetela di fare i fighi!".

Nunzia De Girolamo, ministro dell'Agricoltura (Pdl), 23 luglio 2013:
"È totalmente inventato che io abbia consegnato il mio curriculum, a Silvio Berlusconi, all'interno di un orsacchiotto".

Angelino Alfano, vicepremier e ministro dell'Interno (Pdl), 21 luglio 2013:
"Non esiste una terza via: o questo governo, o il caos".

Angelino Alfano, vicepremier e ministro dell'Interno (Pdl), il caso-kazako è avvenuto a sua insaputa, 16 luglio 2013:
"Mi hanno tenuto all'oscuro, solo la Farnesina, ossia Emma, mi ha avvertito"..."Sono qui in Parlamento per rendere conto di una vicenda di cui non sono stato informato. Com'è impossibile che nessun membro del governo, nessun ministro, sia stato informato di tutto questo?".

Nunzia De Girolamo, ministro dell'Agricoltura (Pdl), intervista su 'Chi', 10 luglio 2013:
"Ragazzi, ma quanto è figo fare il contadino?".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 10 luglio 2013:
"Berlusconi non è come lo dipingono i media. E' una persona perbene, una persona pulita e sicuramente innocente. Dovrebbe fare yoga come faccio io per far scendere il diaframma e respirare meglio. Glielo dico sempre. Un po' di meditazione serve per avere la mente più lucida. Non deve farlo con me ma con la sua fidanzata o con la mia professoressa che è eccezionale, si chiama Patrizia. Berlusconi purtroppo non è un tiranno altrimenti l'Italia sarebbe andata meglio in questi 20 anni. È una persona che invece cerca sempre la conciliazione, una persona buona ed educatissima, anche troppo".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 10 luglio 2013:
"Lo Sport? Non ho ancora ufficialmente le deleghe per problemi burocratici ma c'è un accordo politico. Le mie competenze? Beh, io di competenze nel calcio ne ho molte. Ero vicepresidente del Bolzano Calcio, ho fatto tanto sport e adesso faccio yoga. Me ne intendo molto, di calcio. Tifo in modo devastante per la Nazionale e l'anno prossimo mi vedrete in campo come centravanti di sfondamento, in Brasile. Sarò sempre in Brasile".

Stefano Fassina, viceministro dell'Economia (Pd), 3 luglio 2013:
"Matteo (Renzi), sulle regole scialla... ci ha appallato! La sua ossessione ci ha stufato. Basta al vittimismo come marketing, scriva le regole sul suo blog!".

Anna Maria Cancellieri, ministro della Giustizia, in un "fuori onda" durante un convegno, 2 luglio 2013:
"Ora vado ad incontrare gli avvocati, così me li levo dai piedi".

Emma Bonino, ministro della Difesa (Radicali), sul caso Usa/Datagate, 2 luglio 2013:
"Tra Stati Uniti, Italia, Europa c'è spirito di collaborazione e amicizia. Certo, spiarsi tra alleati non è carino (sorride): ma basta leggere qualsiasi spy story per capire che se ne sono sempre viste di tutti i colori...".

Mario Mauro, ministro della Difesa (Scelta Civica), 27 giugno 2013:
"Per amare la pace, armare la pace: i caccia F35 rispondono a questa esigenza".

Josefa Idem, ex ministro dello Sport (Pd), accusata di aver tentato di eludere l'imposta sulla casa, 20 giugno 2013:
"Io non sono una che bara. Non sapevo dell'Ici non pagata, come qualunque cittadino se ci sono state irregolarità pagherò con gli interessi. Io non mi sono mai occupata personalmente della gestione di queste cose. Nella mia vita ho passato tre settimane al mese in canoa, dodici mesi l'anno. Ho sempre delegato ai tecnici chiedendo loro naturalmente di fare le cose a regola d'arte. Il commercialista, l’ingegnere, il geometra. Non le saprei nemmeno dire esattamente di che cifre stiamo parlando".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 20 giugno 2013:
"Dopo la decisione della Consulta farò ricorso personale alla Corte dei diritti e di giustizia europea affinché Silvio possa avere un giusto processo".

Jole Santelli, sottosegretario al Lavoro (Pdl), 16 giugno 2013:
"I pm del processo Ruby sono degli ayatollah, dei talebani, come molti magistrati in Italia. Da uno a 100 Berlusconi è perseguitato 100. Previti? È una persona perbene, gli vogliono tutti bene. Nei suoi confronti c'è stato accanimento e persecuzione, non credo alle condanne. Dell'Utri? Non è un mafioso, anche nei suoi confronti c'è stata persecuzione per gli stessi motivi".

Vincenzo De Luca, viceministro alle Infrastrutture (Pd), 13 giugno 2013:
"La mia incompatibilità tra sindaco e viceministro? Ma voi non ci dormite la notte? Mi pare una grande idiozia. In Italia nessuno si è turbato della questione della mia incompatibilità, tranne qualche sfaccendato".

Enrico Letta, presidente del Consiglio (Pd), 12 giugno 2013:
"Dobbiamo fare come il piccolo pesciolino Nemo: riesce a spiegare che se tutti spingono nella stessa direzione succede il miracolo, la rete si libera, e Nemo ritrova il papà. È un messaggio fortissimo".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 10 giugno 2013:
"Tutto il merito della vittoria Pd alle Amministrative va dato a Renzi. Se è tempo di rottamazione anche nel Pdl? Certamente, ma non il nostro leader. Silvio Berlusconi non sarà formattato. Io vado a fare la spesa da sola, senza scorta, e la gente non è delusa da Silvio, che è ancora percepito come il nuovo che avanza. Perché lui non è colluso con il potere".

Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua in Buitoni, sottosegretario ai Beni Culturali (Scelta Civica), 8 giugno 2013:
"Entrare nel governo non mi ha portato nessun vantaggio: con il sottosegretariato non è che la mia vita sia migliorata. La mia vita è decisamente peggiorata".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 10 giugno 2013:
"Ringrazio Papa Francesco per aver dato spazio a quelli non politicamente corretti, come me".

Gianfranco Miccichè, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Grande Sud), 7 giugno 2013:
"No, non sono più cocainomane. Lo sono stato da giovane. Ma era il periodo delle contestazioni... Il Gay Pride a Palermo? Non ci vado, a me non piace, non mi diverto. Due uomini e due donne che stanno insieme è innaturale, assolutamente innaturale".

Alberto Giorgetti, sottosegretario all'Economia (Pdl), 3 giugno 2013:
"Sì, il saluto romano lo facevo, da giovane. Se sono fascista? Beh, grossomodo... c'è stata una storia importante della destra...".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 28 maggio 2013:
"Quanti sono i dipendenti pubblici? Non lo so ancora, sto studiando... Sì, certo, porto la mia cagnetta Puggy anche al ministero. Si pronuncia 'pagghi'. La tengo nella mia stanza. Non ho la colf, Puggy è piccola e può stare solo con me... credo che tutti i dipendenti pubblici possano portarsi i cani in ufficio...".

Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione, poche ore prima del deludente risultato del Pdl alle Amministrative, 25 maggio 2013:
"Il Popolo della Libertà rilanciato da Berlusconi è così forte che potrebbe candidare e fare eleggere pure una capra".

Mario Mauro, ministro della Difesa (Scelta Civica), 23 maggio 2013:
"Credo che siamo tutti quanti d'accordo nel riconoscere che il valore più importante che condividiamo nella nostra civile convivenza sia la pace. Sistemi di difesa avanzati, come gli F35, servono per fare la pace".

Dario Franceschini, ministro dei Rapporti con il Parlamento (Pd), sms inviato agli amici prima delle elezioni amministrative, 23 maggio 2013:
"Caro xxx, se voti a Roma posso proporti di dare la preferenza a Michela di Biase, la mia compagna, che si candida in consiglio comunale? Dario".

Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua in Buitoni, sottosegretario ai Beni Culturali (Scelta Civica), 20 maggio 2013:
"In Italia si è smesso da tempo di mangiare bene, purtroppo. Io non sono antivegetariana, adoro la carne e non pongo limite etici alle passioni culinarie. Se c'è da salvare un comò Luigi XVI o un panda? Beh, da mettere in casa certamente il comò (...) Una sola volta ho provato a fumare una canna, finendo totalmente fuori controllo. Ho riso così tanto che a un certo punto ho creduto di strangolarmi. Non faceva per me, maniaca dell'autocontrollo (...) Io sono famosa per i miei smarrimenti, una volta in un palazzo reale in India, mi sono staccata dal gruppo e sono finita in un'ala abbandonata. Ero convinta di morire. Ho strillato come una matta finché non sono venuti a salvarmi".

Angelino Alfano, vicepresidente del Consiglio, Pdl 19 maggio 2013:
"Ai nostri figli. Sa qual è una considerazione che ho fatto? Che i miei due figli Cristiano e Federico sono coetanei dei figli di Enrico Letta e delle nipoti di Anna Maria Cancellieri. Nunzia De Girolamo ha una bambina piccola. Al Quirinale ho visto i ragazzi di Josefa Idem. Una caratteristica di questo governo è che tutti hanno dei bambini in casa...".

I ministro del governo Letta, in ritiro in un'abbazia di Spoleto, 14 maggio 2013:
"Mai più, speriamo di non tornare mai più a Spineto, sembravamo un presepe... Alcuni di noi hanno rinunciato a parlare perché quando fa freddo ci si concentra di meno. Abbiamo preso un po' di calore con la cena itinerante. Siamo passati da una stanza all'altra mangiando pizzette, brunello, pappa al pomodoro, salumi, formaggi".

Walter Ferrazza, sottosegretario agli Affari regionali (Mir, e fidanzato della nipote di Samorì), 8 maggio 2013:
"No, la mia fidanzata non c'entra nulla con la nomina... pensi, prima che ci conoscessimo sono diventato anche membro del Parco Adamello Brenta. Insomma, la mia strada l’ho percorsa da solo".

Gianfranco Miccichè, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione (Grande Sud), 4 maggio 2013:
"Sono risorto grazie a Berlusconi, la devo a lui questa nomina, lui è un grande stratega, il protagonista assoluto di questo governo. Questo è il suo miracolo. Voglio ringraziare anche Raffaele Lombardo e Marcello Dell'Utri, non mi vergogno a dirlo".

Michaela Biancofiore, prima di essere cacciata dalle Pari Opportunità e passare alla Pubblica Amministrazione (Pdl), 4 maggio 2013:
"Sono le associazioni gay ad autoghettizzarsi, la loro è una casta. Io non sono mai stata omofoba: chiunque abbia un amico gay conosce la sofferenza di quando ti fanno giocare a soldatini, da piccolo, o con le pistole. Io odio le discriminazioni verso gli animali, si figuri verso le persone!... Sa qual è la verità? La verità è che certe mie posizioni personali sono uguali a quelle di Papa Francesco! Solo che da lui si genuflettono... mentre con me...".

Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua in Buitoni, poco prima di diventare sottosegretario ai Beni Culturali (Scelta Civica), 3 maggio 2013:
"I 710mila euro che ho dato al movimento di Monti? Ho sentito questa urgenza, ma non per questo mi aspettavo un posto da ministro. Come potrei ambire ad una poltrona? Non è nel mio stile".

Nunzia De Girolamo, ministro dell'Agricoltura (Pdl), 29 aprile 2013:
"Io nasco in una famiglia di agricoltori. E poi sono del Sud. Cos'ho in mente di fare? Beh, devo ancora studiare bene. Per ora mi godo la nomina".

Flavio Zanonato, da sindaco di Padova (Pd), poco prima di diventare ministro nel governo Letta prendeva in giro le larghe intese, su twitter, 26 aprile 2013:
"Se stiamo insieme ci sarà un perché e vorrei riscoprirlo stasera. Se stiamo insieme qualche cosa c'è che ci unisce ancora stasera...".

Angelino Alfano (Pdl), dopo le consultazioni con Letta, in conferenza stampa, 25 aprile 2013:
"Permettetemi di ringraziare il presidente Berlusconi. Si trova in Texas, e sta lavorando a beneficio della credibilità italiana. Un lavoro che è sotto gli occhi di tutti, intenso, con i presidenti degli Stati Uniti d'America, che farà bene al nostro Paese. È stato invitato da Bush al pari di pochissimi altri protagonisti della politica mondiale. Questa è la prova di quanto sia grande la credibilità internazionale di Berlusconi". (In quegli istanti già circolavano, su tutti i più importanti siti del mondo, le immagini di Berlusconi addormentato, sotto il sole, durante il discorso di Bush)

Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo (Pdl), 24 aprile 2013:
"Sì, credo che Berlusconi l'abbia detta quella cosa di Merkel 'culona inchiavabile', lui è fatto così...".

Enrico Letta (Pd), due giorni prima di ricevere l'incarico di governo da Napolitano, 22 aprile 2013:
"Io premier? Tutte balle dei giornalisti!".

Michaela Biancofiore (Pdl), pochi giorni prima la nascita del nuovo esecutivo, 18 aprile 2013:
"Con Berlusconi al Quirinale avremmo un'Italia-rock, l'uomo è avanti, è figo, geneticamente figo, un figaccione che potrebbe vivere fino a 120 anni. Lo voglio presidente della Repubblica, gli italiani pure".

Enrico Letta (Pd), 29 marzo 2013:
"Ci affidiamo completamente a Lei, Presidente Napolitano, con lo stesso trasporto di Papa Francesco quando si rivolge all’Altissimo".

Stefano Fassina (Pd), qualche settimana prima la nascita del governissimo Pd-Pdl, e della sua nomina a viceministro, 21 marzo 2013:
"Noi con un partito guidato da Silvio Berlusconi, quello della compravendita di parlamentari, quello che fa votare Ruby nipote di Mubarak, quello delle leggi ad personam... con un partito guidato da uno così, noi non facciamo alleanze!".