giovedì 24 ottobre 2013

I politici emiliani si fanno rimborsare pure la pipì

Scandalo rimborsi in Emilia Romagna, indagati tutti e 9 i capigruppo, dal Pd al Pdl alla Lega al Movimento 5 Stelle. I consiglieri regionali si sono fatti restituire i soldi per "un divano-letto Ikea", "asciugacapelli", "pizze", "fiori", "libri", "bottiglie di vino da oltre 100 euro", "salumi", "un forno a microonde", "frutta e verdura fresche", "gioielli", "viaggi", "diverse penne, tra cui una da 500 euro", "pacchetti di caramelle". Ah, un politico emiliano si è fatto pure rimborsare "i 50 centesimi spesi per l'ingresso in un bagno pubblico".