martedì 24 dicembre 2013

Fermi tutti. Parla l'astrologa.


Imperdibile pezzo uscito sul Giornale di oggi.
Se passa Plutone sono guai. Il pianeta più piccolo e lontano dalla Terra impiega 248 anni per fare il giro dello zodiaco. E quando si allinea... si salvi chi può. «È in Capricorno, da due anni, porta ribellione e rivolta in tutti i settori» spiega l'astrologa Maddalena Magliano, che ci ha traghettato attraverso un oroscopo della società e della politica per il 2014. Ecco terreno fertile per Forconi e movimenti dell'antipolitica. «L'ultima volta che era successo si erano prodotte la rivoluzione americana che poi ha portato alla rivoluzione francese a fine '700». (...)

Un'altra congiunzione astrale «influenza» le nostre vite. Il transito di Saturno in Ariete, circostanza che si verifica ogni 30 anni, portando con sé «un quindicennio di crisi» racconta ancora l'astrologa. È successo nel '37-'38: «È arrivata la Seconda guerra mondiale con il suo tributo di case distrutte. I comunisti hanno sfiorato il governo, ma l'attentato a Togliatti ha aperto le porte a De Gasperi. Siamo usciti da questa crisi soltanto nel '52-'53 con la diffusione di 500 e Vespa che hanno lanciato il boom economico». Quindi Saturno è ripassato nel '68. Il periodo nero si è manifestato con la strage di Piazza Fontana, il terrorismo e la crisi petrolifera che ha lasciato a piedi un Paese intero. Il periodo è stato contrassegnato da un'inflazione al 20% e dalle case occupate. I comunisti hanno sfiorato nuovamente il governo, piano sfumato con la morte di Aldo Moro. Da questa fase buia si è usciti soltanto con la vittoria del Mondiale '82 e la Milano da bere. 
 Ok, ma l'oroscopo dei politici? Eccolo:
Le stelle dei politici Lo zodiaco c'è anche per i leader e l'astrologa ci ha aiutato a decifrarlo.  

Matteo Renzi: «È un Capricorno del '75. Ha buon senso, ma ha voluto anticipare troppo i tempi, sarebbe stato maturo tra un paio d'anni. A 35 anni si combattono ancora i grandi, a 40 si diventa adulti».  

Enrico Letta: «È un Leone del '66. Non è fazioso, è un entusiasta e appartiene una generazione fantastica, quella degli ex paninari. Ha voglia di fare e potrebbe durare a lungo, perché è elastico».  

Beppe Grillo: «Ha Giove in Sagittario, è come un grande venditore americano di auto usate. È un colonizzatore, arriva e porta il suo pensiero. Si fa vedere, ma non si espone. Ma non ha sfruttato la sua occasione quando l'ha avuta».  

Giorgio Napolitano: «È un Cancro del '25, un segno materno e femminile. È troppo fazioso, sembra il nonno che viene a dirci dove tirare il boccino». 
Ed il Cavaliere? Qui si sfiora il capolavoro. 
Silvio Berlusconi: «Una Bilancia del '36. Il suo peggio assoluto astrologicamente è finito. Per lui c'è una congiunzione che non si vedeva dai tempi del Drive In: come quando iniziò la sua scalata. Potrebbe stare a casa a godersi i nipotini, invece non sparirà».