mercoledì 4 dicembre 2013

"Silvio lo candido io. In Bulgaria"


"Candido Silvio in Bulgaria. Il leader del partito di centro (in realtà è destra, ndr) Rzs: «Invito Berlusconi a fare il capolista per le elezioni europee. La nostra legge lo consente e qui lui è molto popolare, passa di sicuro». Così il Cav avrebbe uno scudo". Leggiamo da Libero di oggi. Spettacolo.
La pista bulgara. Rimane in ballo. C’è. Da Sofia confermano. È l’ipotesi di una candidatura di Silvio Berlusconi alle elezioni europee. Non in Italia, dove non può per effetto dell’interdizione dai pubblici uffici, ma all’estero, Nell’ ex Stato satellite dell’Urss.

In Bulgaria fonti governative ammettono che sì, legalmente è possibile una candidatura di Silvio da loro. Così come è possibile che l’ex premier italiano ottenga la cittadinanza bulgara. Per meriti acquisiti nelle relazioni con le autorità locali, ma anche semplicemente investendo nella loro economia. 500mila euro. Cifra non improponibile per il Cavaliere. Ieri il premier bulgaro Borissov ha confermato di avere buoni rapporti con Berlusconi dai tempi in cui erano colleghi premier, ma ha smentito che il leader del centrodestra italiano possa correre alle Europee nel suo partito.

Allora, per tutta risposta (ieri a Sofia era la notizia del giorno, Berlusconi è molto noto da quelle parti), si è fatto avanti Yane Yanev, leader della formazione di centro Rzs (“Ordine, Legge, Giustizia”): «Visto che Borissov dice che non candida Berlusconi, io invito Silvio a fare il capolista del mio partito», Yanev lo ha dichiarato a Btv. Aggiungendo: «Sono convinto che Berlusconi sarà un ottimo difensore degli interessi della Bulgaria a Bruxelles». E in riva al Mar Nero sono già pronti a scommettere sull’elezione dell’ex presidente del Consiglio italiano. È sicura, dicono. 
[...]