lunedì 20 gennaio 2014

"Mi obbligava a fare sesso", ecco il contratto dell'assessore alla Cultura Pdl

Da La Repubblica di oggi.

PESCARA - Sembrava una storia incredibile, quasi impossibile. Invece eccolo il contratto sessuale stipulato dentro la sede della Regione Abruzzo tra l’assessore alla Cultura Luigi De Fanis e la sua segretaria: nove righe scritte a mano su un foglietto giallo di 13 centimetri. “Io sottoscritto Luigi De Fanis - si legge nel documento poi strappato dallo stesso politico e faticosamente ricostruito dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato - nuovo accordo per novembre (...) do 3mila euro (...) per amore con regalo (...)”. Questo è ciò che rimane di quel foglietto. Insieme al documento, la polizia giudiziaria - che da oltre un anno si occupa dello scandalo che sta facendo tremare i palazzi del potere regionale - ha rinvenuto anche un assegno di duemila euro che proprio De Fanis, esponente di spicco del Pdl (e ora in quota Forza Italia) aveva consegnato alla segretaria lo stesso giorno. (continua, fonte: La Repubblica)