mercoledì 26 febbraio 2014

Scusa Beppe, cosa dicevi sulla forza di "esprimere liberamente"?

Leggiamo dal blog di Pietro Salvatori.

Oggi Beppe Grillo tifa affinché quattro senatori vengano cacciati dal gruppo 5 Stelle del Senato per aver espresso 'liberamente e senza chiedere il permesso' le proprie opinioni. Li accusa di aver cambiato idea. L'11 agosto 2011 annunciava che il Movimento 5 Stelle avrebbe partecipato alle elezioni politiche. E nel "Comunicato politico numero 45", scriveva:
La libertà di ogni candidato di potersi esprimere liberamente in Parlamento senza chiedere il permesso a nessun capo bastone sarà la sua vera forza. Il M5S vuole che i cittadini si facciano Stato, non che si sostituiscano ai partiti con un altro partito. I partiti sono morti, organizzazioni del passato, i movimenti sono vivi. Oggi i parlamentari sono soltanto dei peones che schiacciano un pulsante se il capo, che li ha nominati, lo chiede. Non sono nulla, solo pulsante e distintivo.
...