martedì 20 maggio 2014

"Nel Tanko erano previsti anche lavandino ed evacuatore"

Ringrazio l'amico Luco per questa fantastica segnalazione.
(ANSA) - VENEZIA, 20 MAG - E' costato circa 100mila euro il caterpillar trasformato in 'tanko' con cui i secessionisti veneto-lombardi arrestati dai Ros il 2 aprile volevano tentare l'assalto in piazza San Marco. Lo afferma, in un'intervista a 'Oggi', di cui il settimanale ha diffuso un'anticipazione - il veronese Tiziano Lanza, uno dei separatisti che nelle scorse settimane hanno ottenuto la liberazione dal carcere. "Il tanko doveva servire per un'azione dimostrativa. Aveva un cannone? Cannone è una parola grossa - racconta Lanza - L'avevamo provato con cariche di polvere pirica. Su 20 tentativi ne saranno andati a segno due". L'indagato, che secondo le indagini doveva essere l'ambasciatore del gruppo secessionista, spiega poi che l'obiettivo "era resistere in San Marco 24 o 48 ore. Un blindato per due giorni in San Marco, con Internet, i social network, gli smartp hone… L'indipendenza del Veneto sarebbe diventata un caso internazionale". Lanza chiarisce infine che quando il mezzo blindato è stato portato via dai carabinieri, dal magazzino-arsenale di Casale di Scodosia, "mancava la copertura, una lastra di 25 millimetri, con due botole a tenuta stagna e prese d'aria. Chiuso l'abitacolo, tre o quattro persone avrebbero potuto calarsi all'interno, manovrare il mezzo e rimanerci fino a esaurimento di acqua e viveri. Avevo previsto anche uno scarico, un foro di 15 centimetri collegato con una tazza che doveva fare da evacuatore e lavandino".