giovedì 17 luglio 2014

Razzi: "Gaza? Ve lo dico da amico, mandiamoci Silvio". Questo è il nostro segretario della commissione Esteri al Senato

Mentre a Gaza continuano a morire civili e bambini, mentre la pioggia di missili non accenna a fermarsi, il nostro segretario della commissione Esteri Antonio Razzi, intervistato da "La Zanzara" di Radio 24, tratta l'argomento con i seguenti toni. Battute, risate, parodie della parodia di Crozza. (Dimissioni? No eh)
"Quello che sta succedendo in Medioriente? Eeeh... è un casino, per un piccolo incidente... centinaia di morti. Io ve lo dico da amico... se ce stava Berlusconi (premier) lì aveva già fermato tutta la guerra... he-heee! Ma voi non lo conoscete a Berlusconi! Quello c'ha la mano santa! Quando c'era Berlusconi non era mai scoppiati 'sti casini... e gli abbiamo pure levato lo passaporto! Ma in che mondo viviamo?... Di chi è la colpa di quello che sta succedendo in Palestina? Ma... guarda... io c'ho un'idea... se andiamo là io e Parenzo risolviamo tutto... perché Parenzo è comunista, io non sono comunista... e poi Silvio Berlusconi potrebbe fare il mediatore. Sarebbe un'ottima soluzione per Renzi e l'Europa. Te lo dico da amico... te lo dico da amico... quando arriverà Berlusconi (in quelle zone), calmerà tutti. In parlamento qualcuno mi prendeva in giro, 'Anto', ma non sei a Gaza?'. E io: 'So' tornato ieri'. Se usano il mio nome 'Razzi' voglio i diritti d'autore. Io in missione a Gaza? Con Razzi so' cazzi"
[audio: dal minuto 51]