venerdì 12 settembre 2014

Beppe Grillo e l'ebola: una bufala!... anzi no, morirete tutti!

Nel giro di sole due settimane, dal 29 agosto al 12 settembre, Beppe Grillo ha prima rilanciato su Twitter un delirante post relativo alla "bufala ebola", per poi cavalcare il "terrore" causato dal virus della febbre emorragica con un post in cui si arriva persino a citare il "cinema splatter". Come se non bastasse, ha pure corredato il tutto con una foto che nulla ha a che fare con l'ebola: il corpo senza vita che vedete nel secondo tweet, qui sotto, è di un civile vittima della guerriglia in Rhodesia. È questo il modo in cui il leader di una delle più importanti forze politiche del Paese tratta un argomento tanto complesso e delicato. Dalla "bufala ebola" al "terrore ebola", anche con immagini fake.

Update: sul blog di Grillo l'immagine fake del corpo dilaniato è sparita. Scuse o precisazioni: non pervenute.