giovedì 5 maggio 2011

Razzi nostri.

Prendetevi un attimo. Respirate forte. Perché quello che leggerete, è tutta roba. Questo è un Parlamentare della Repubblica. La storia comincia più o meno così. Fino a pochi mesi fa il deputato Antonio Razzi denunciava:
Io sono eletto nell'Italia dei Valori e tale voglio rimanere, fino alla morte ... fino a che Di Pietro mi tiene io sto lì, anche perché è un rispetto verso coloro che mi hanno votato ... chi glielo va a dire ai miei elettori che sono stato comprato da un altro partito? ... Così dovrebbero fare tutti gli altri deputati, non si dovrebbero far comprare perché il cittadino non vuole queste cose ... Mi tentano, ma io resisto ... mi hanno proposto di pagarmi il mutuo, offerte buone, posti buoni ... qualche carica ... anche di entrare nel Governo ... ma ho una faccia sola e un patto con Di Pietro. Come potrei farmi vedere in giro domani se passassi con Berlusconi? ...
Dopo poco passò con Berlusconi:
Ma per forza che voto la fiducia a Berlusconi! Anche perché io continuo a chiedermi e a chiedere in giro: ma se ci leviamo Berlusconi, chi ci mettiamo? Di meglio mi sembra che non ce n'è.
Però a marzo, dopo 3 mesi di attesa e zero nomine, lo sfogo:
... Abbiamo salvato questa legislatura. E a che prezzo: minacce, insulti, scritte sui muri ... E guardi che io non ho chiesto nulla. Sia chiaro. Ma l'incarico di Segretario di Presidenza della Camera me l'hanno offerto loro. Vennero Saverio Romano, Mario Pepe e mi offrirono quel posto. Io dissi, ma, perchè no, o io o Mimmo (Scilipoti), in fondo dopo quello che abbiamo fatto ... Insomma siamo in credito no? ... Ed invece hanno eletto Pisacane. Non è stato un comportamento da persone educate. Io che credevo fossero un po' diversi, invece sono peggio ... Quasi mi vergogno di appartenere a questo gruppo. Ripeto, se la legislatura è in piedi il merito è nostro ... Un posticino almeno, qualcosa per dire grazie, un riconoscimento. Portavoce, segretario di presidenza. Lì sono tutti a chiedere qualcosa, io mica puntavo a un ministero, a un sottosegretario. Volevo un incarico, "hai fatto questo e ti meriti quest'altro". Dovrebbe funzionare così no? ...
Sì, funziona così. Oggi finalmente il Deputato Antonio Razzi è stato premiato: è il nuovo "consigliere personale del ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Saverio Romano". Dovrà occuparsi di "lotta alla contraffazione". E al cronista del Tg3 che gli chiedeva se fosse "un esperto" della materia, e cioè di lotta alla contraffazione dei prodotti agroalimentari, un soddisfatto Antonio Razzi rispondeva così:
Guardi ... io ho lavorato tanto con i ristoratori ... non sono un ristoratore, ma sono un buon gustaio, e soprattutto un buon cuoco: a tempo perso, molte volte, aiuto mia moglie in cucina.