giovedì 1 dicembre 2011

"Ci ridurrete alla fame".


Tagli ai privilegi dei parlamentari, si comincia con qualche sforbiciatina: molti onorevoli la stanno prendendo bene, o quantomeno, fanno buon viso a cattivo gioco. Della serie, "ci saranno sacrifici per tutti, ed è giusto cominciare da noi". Altri, la stanno prendendo un po' meno bene. Vediamo.

Onorevole responsabile Massimo Calearo:
A me della pensione non frega niente, ma l'operazione deve iniziare dal 1945, perché chi propone i tagli è in Parlamento da decenni.
Onorevole responsabile Maurizio Grassano:
I diritti acquisiti non bisognerebbe mai toccarli, perché se sono acquisiti vuol dire che per acquisirli si è pagato qualcosa, altrimenti è una truffa ... rispetto a Fabio Fazio, che prende 2 milioni di euro l'anno, noi prendiamo 4.500 euro netti al mese. Hai voglia di farne di mesi prima di arrivare a 2 milioni.
Onorevole Pdl Alessandra Mussolini:
Prima facciano chiarezza sui loro conflitti di interessi, poi ci chiedano i sacrifici.
Ex Ministro ed Onorevole Pid Saverio Romano:
Questa dei vitalizi avremmo potuta farla anche noi.
Onorevole responsabile Domenico Scilipoti:
E' giusto che ogni parlamentare riceva il vitalizio in base ai contributi versati. Ma non solo i parlamentari devono andare in pensione a 65 anni: anche i magistrati, la Corte dei Conti e il Consiglio di Stato. Tutti dobbiamo essere uguali di fronte la Legge.
Onorevole Pdl Antonio Mazzocchi:
Se un deputato entrato alla Camera con un diverso regime decidesse di fare causa allo Stato credo che vincerebbe.
Onorevole Pd Rolando Nannicini:
Dai miei calcoli saranno 1500 e non più 2500 euro, ma vanno bene anche 900, voglio essere uguale ad un metalmeccanico, ma la Camera ci deve versare i contributi figurativi, capito?
Onorevole responsabile Michele Pisacane:
Facciamo una vita da cani ... io e mia moglie prendiamo 30 mila euro al mese? Le ho già spiegato che se uno investe nella politica quei soldi sono pochi.
Onorevole leghista Gianluca Pini:
Una proposta demagogica per indorare la pillola agli italiani che dovranno subire i tagli delle pensioni.
Onorevole Pdl Giorgio Conte:
Abolire tout-court i vitalizi è una sparata demagogica. Bisogna inserire in provvedimento in una riforma complessiva, così ha senso. Altrimenti è difficile che il tacchino festeggi il Natale.
Dal Telegiornale di Sky, SkyTg24:
Ci sarebbero dei deputati pronti a dimettersi il 1° gennaio 2012, in modo da non dover rinunciare al vecchio vitalizio.
Senatore Pdl Antonio Paravia:
Il governo è venuto a commissariare il Parlamento. Ma noi non accetteremo diktat!
Ex Onorevole Ilona Staller, Cicciolina:
Se festeggio perché prenderò comunque 3 mila euro lordi al mese di vitalizio? No, non sono una rapina. Io sono un capro espiatorio, un bersaglio, mi vogliono punire.
Ex Onorevole Irene Pivetti:
La verità è un'altra: ci sono altre caste che non vengono toccate. Da Tangentopoli continuano a sparare contro i politici: non hanno ancora finito. In tutte le famiglie c'è una percentuale di persone non perbene ...
Onorevole repubblicano ed ex responsabile Mario Pepe:
I prossimi parlamentari saranno solo i ricchi che non avranno bisogno del vitalizio ... Ridurre deputati e senatori alla fame vuol dire rendere il Parlamento schiavo dei poteri forti.